Il mi' babbo

Il mio papà ha una chioma candida, da lontano lo riconosci perché ha una marea di capelli, bianchissimi. Nonostante non sia più un ragazzino ha un viso liscio e aspetto giovanile. Se ne va in giro dispensando battute umoristiche e a fare il simpatico con chiunque incontra.

Adora le sue figlie e si fa schiavizzare volentieri, prestando servizio in qualità di autista, fattorino e addetto ai servizi esterni del Tempio della Bellezza e del Benessere, a titolo del tutto gratuito.

Quando mi invita a pranzare da lui, prima sostiene a ragione che io sia grassoccia, poi mi cala 150 gr. di pasta condendola a dovere e inizia a disporre sulla tavola salumi affettati, mozzarelle grosse come palle da rugby, salsicce, venti chili di pane, noci, dolci. Una contraddizione decisamente sublime.

Il mio papà è nato nel paesino di C., ha vissuto in almeno tre città prima di stabilirsi nella metropoli, ha un unico fratello che vive nella città di B., e ha viaggiato anche un po', ma quando parla del suo paese potrebbe trovarsi in qualunque parte del mondo ma continuerebbe a pensare che nessuna parte del mondo è come C..

E' un uomo altamente spirituale mio padre, devoto al Signore e attento a mantenere pura la sua coscienza, senza disdegnare di dedicare molta parte del suo tempo ad aiutare gli altri; si precipita ad assistere ogni persona che gli capita a tiro, anche se ha meno anni di lui.

E' un uomo intelligente e di buona cultura benché a volte appaia un po' saccente, soprattutto quando dice "invece non ho sbagliato", "è così e basta", alzando le sopracciglia e facendo l'occhio a mezz'asta.

Mio padre teme, oltre la moglie quando lava i pavimenti, i malanni della vecchiaia, un giovane che si alza in autobus per cedergli il posto, che qualcuno lo possa definire anziano, che gli si dica di prendere meno l'auto. Mio padre ha la sindrome di highlander.

Come la filosofa sua figlia, al supermercato è un pericolo pubblico. Terrorizzato al pensiero di non avere scorte che sostengano le necessità della famiglia in caso di disastro nucleare, compra sempre il doppio di ciò che gli serve.

Alcuni anni fa, quando vivevo nella cittadina di Q., lo invitai a pranzo e mi accorsi che mi mancavano gli stuzzicadenti per chiudere gli involtini. Lui ritornò con un pacco formato pub di stuzzicadenti. Ho esaurito la riserva dopo tredici anni dall'acquisto.

Da adolescente decise che sarebbe diventato prete e sarebbe partito per l'Africa per andare in qualche missione; poi, finito il liceo giunse nella metropoli per frequentare l'Università. Qui trovò lavoro e conobbe quella maliarda di mia madre. Le missioni furono mandate a farsi benedire e nacquero le sue figlie.

Grazie a Dio....

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Cerchi qualcosa?

Che ore sono?

Che giorno è?

Settembre 2017
DLMMGVS
12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930

Suggerimenti

Tag-cloud


Spot

Social Media Links

TwitterFacebookFeed

Archivio Post

Directory Blog

BlogItalia - La directory italiana dei blog

Award Winning Voyeurism and Personal Journal Blogs - BlogCatalog Blog Directory

Miglior Blog