Quella maliarda di mia madre

Quando mia madre aveva sedici anni ne dimostrava ventiquattro. Capelli cotonati e scuri come la socia/sorella, occhi verdi, grandi tette. Mio padre la conobbe e decise in 48 ore che la vita del prete non avrebbe fatto al caso suo.

Appena sposati partirono per il viaggio di nozze. Mia madre si addormentava ovunque e non riusciva a spiegarsi il perché di tanta stanchezza. Era in arrivo la socia/filosofa, che infatti dopo esattamente nove mesi vide la luce con il pugno in bocca e i capelli rossi.

Dopo tre anni e poco più, la socia/sorella venne a spezzare la vita serena e autarchica della socia/filosofa che da quel momento dovette difendere il suo territorio, le sue merendine, i piedi delle sue bambole e qualche volta anche gli arti, presi a morsi a sorpresa.

Se mia mamma non fosse stata una maliarda, la socia/filosofa non sarebbe nata, né avrebbe sperimentato la prepotenza della socia/sorella da bambina né avrebbe rischiato di andare in terapia con la gestione del Tempio della Bellezza e del Benessere.

Nonostante tutto, sarebbe stato un vero peccato, secondo me.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Cerchi qualcosa?

Che ore sono?

Che giorno è?

Luglio 2017
DLMMGVS
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031

Suggerimenti

Tag-cloud


Spot

Social Media Links

TwitterFacebookFeed

Archivio Post

Directory Blog

BlogItalia - La directory italiana dei blog

Award Winning Voyeurism and Personal Journal Blogs - BlogCatalog Blog Directory

Miglior Blog