La spettacolare bimba F.

BebèLa bambina F. ha una manciata di mesi e grandi occhi azzurri. Sottili capelli chiari e guanciotte deliziose. Ieri sera, la sposa Ros ha bussato alla porta degli amici C. e N. assieme al marito M. ed è rimasta ancora una volta folgorata da quei due fanali blu.

I due affiatati coniugi sono stati accolti nel soggiorno dei cari amici, trasformato in parco giochi per la papatula in questione, così chiamata dall'amica A., all'occorrenza baby sitter e insegnante di lingua calabrese della bimba F.

La filosofa Ros ha ceduto subito all'attrazione fatale e ha chiesto all'amica C. il permesso di spupazzare sua figlia per qualche minuto. La bambina F. ha sgranato gli occhioni e ha scrutato attentamente, per valutare o meno l'affidabilità della tizia con il cespuglio in testa e gli occhiali nuovi di zecca davanti a lei. La prudente bimba F. ha continuato a fissare l'aspirante zia filosofa per un po' di minuti ma poi ha abbassato la cortina difensiva e si è divertita un mondo.

A questo punto penserete che la filosofa Ros abbia un ascendente sui microscopici esserini, che abbia qualità babysitterali nascoste, che sia una geniale inventrice di nuovi giochi e filastrocche inedite, che infonda sicurezza nei bambini in fasce. Niente di tutto questo.

L'audace bambina F., con un guizzo inaspettato, ha afferrato con le manine i ricci filosofici e tirandoli senza ritegno né delicatezza, si è sganasciata dalle risate per buoni cinque minuti. Di punto in bianco si è annoiata, e ha mollato l'aspirante zia filosofa con il cespuglio sottosopra per le più confortanti braccia materne.

La filosofa Ros non immaginava che i ricci filosofici potessero costituire un catalizzatore di infanti attenzioni e stavolta è stata colta di sorpresa. D'ora innanzi giocherà molto meglio la sua carta vincente con la piccola donna in pannolino.

Al prossimo spupazzamento, spettacolare bimba F.....