Pollo o Terminator?

pulcinoDue giorni fa il nipotino/pulcino ros-sastro ha festeggiato i suoi primi sei mesi di vita. La zia Ros, dal giorno della sua nascita, ha riscontrato un crollo verticale del suo raziocinio e della sua già scarsa imparzialità verso chi ama. Per lei il nipote è fatato...

Da brava osservatrice però lo ha studiato, ha cercato di carpire un po' della sua personalità, di quell'indole caratteriale che emerge anche nei primi mesi di vita.

E il quadro che è venuto fuori è interessante...

Il nipotino L. sarà un gran mangione, un buongustaio, ma dai gusti decisi e raffinati.

La frutta, ad esempio. Il pargolo storce il nasino al gusto prugna, troppo plebeo per lui, nè gradisce i frutti misti perché detesta le incognite e vuole esattamente sapere cosa mangia; non ama nemmeno i gusti un po' asprigni, come l'albicocca. Per lui solo dolci o esotiche polpe, come la pera, la banana, il kiwi...sarà un gaudente viaggiatore...

La scelta delle carni è da palato fine e delicato...il manzo, dal sapore evidentemente forte, non gli aggrada granchè, mentre manifesta un certo trasporto per il vitello e l'agnello. Un piccolo lord, in pratica.

Il nipotino della Ros è un accentratore di attenzioni, è socievole, adora stare al centro dell'attenzione e ama il ballo. Appena sente una nota lo vedi contorcersi con gambe, braccia e busto in una danza tribale condotta sulle ginocchia di chiunque.

Inoltre, dorme pochissimo per l'età che ha. I genitori sono ormai due larve.

Vede la zia entrare dalla porta? Sorride, allunga le braccine e si arrampica sui capelli, per un momento di intenso gioco di tiro alla fune, e per farsi quattro risate in compagnia. Quanti capelli persi per sempre...

Il carattere di un bimbo di sei mesi è già evidente in tanti piccoli dettagli. Forse le mamme che leggono sono abituate ad osservare tali atteggiamenti nei loro figli ma la filosofa Ros, neozia e non-mamma, no.

La Ros bambina, ad esempio, era una polla già a tre anni.

"Ciao...vuoi giocare con me?". Lei faceva sempre il primo passo per fare amicizia, povera stellina.

"Mmmhmmm..va bene. Però disegniamo!".

"Sì, mi piace disegnare, va bene".

"Mi regali il pennarello rosso?".

"Sì, prendilo...vuoi anche quello verde?".

"Sì".

"Mi presti quello giallo, per favore?".

"No! Fattelo comprare dalla mamma!".

Ancora oggi lei non accetta che nella vita vincano quelli poco educati e molto egoisti.

Alcuni anni fa, la Ros partecipò ad una festa di bambini. Età massima 4 anni. Un delirio.

La sua amica R., padrona di casa e mamma del piccolo F., organizzò un pomeriggio di giochi per il compleanno del suo bimbo, buonissimo, paffuto e ciccettino. Il mini festeggiato era eccitatissimo e tenero con i suoi calzoncini troppo lunghi, arrotolati alle caviglie. Con le gote rosse non faceva altro che accarezzare gli altri bambini, abbracciarli e prestare le sue cose, felice anche di assistere alla distruzione dei giocattoli, pur di stare in compagnia. Un sognatore in pannolino.

Entrò poi nella sala l'invitato M.. Biondo, con ciuffo ribelle alla James Dean, occhi azzurri, sguardo glaciale. Giubbottino e jeans con piega. Nessun movimento del viso, nessun accenno di sorriso, solo un impercettibile spasmo muscolare ad un angolo della bocca. Mancavano il chiodo e la sigaretta.

La Ros vide il piccolo F. lasciare un giochino e correre verso il nuovo arrivato per abbracciarlo e mollargli un bacio sulla guancia. Il figlio di James lo guardò come se fosse stato una schifezza di insetto spiaccicato sulla zanzariera, lo spinse via con una mano e si diresse senza indugi verso un bambino accomodato su una macchinina a pedali. Arrivato da lui, lo afferrò per una manica e lo fece scendere per sedersi al suo posto. Il bimbetto sfrattato lo guardò intimorito e se ne andò, senza protestare o piangere. Il piccolo F., dopo una carezzina, iniziò a spingere la macchinina.

Fu in quel momento che la Ros capì che i bambini, già da piccoli, si dividono in due categorie, i "polli" e i "Terminator". La zia auspica che il nipotino L. non diventi un Terminator ma nemmeno così pollo, come lei da piccina!

La Ros non ha ancora visto il suo adorato nipote interagire con altri bambini, per ora lui gioca da solo o con i suoi familiari, ma si domanda se non dovrà cominciare lei a chiamarlo in un altro modo, anzichè pulcino... Non vorrebbe mai influenzare così il suo destino verso una "pollitudine" a vita...

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Cerchi qualcosa?

Che ore sono?

Che giorno è?

Aprile 2017
DLMMGVS
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30

Suggerimenti

Tag-cloud


Spot

Social Media Links

TwitterFacebookFeed

Archivio Post

Directory Blog

BlogItalia - La directory italiana dei blog

Award Winning Voyeurism and Personal Journal Blogs - BlogCatalog Blog Directory

Miglior Blog