The Presence

The PresenceLo sapete che dico proprio tutto, vero?

Dunque, una donna decide di trascorrere qualche giorno in solitudine, nella casa dove da bambina trascorreva le vacanze con i nonni e tutta la sua famiglia, per poter concludere il suo libro. E fin quà non ci ho trovato nulla di strano. La casa è carina, tutta di legno. Si scopre poi che questa è l'unica casa dell'isola, è servita solo da acqua di pozzo e non ha nè corrente elettrica, nè il bagno. E chi ci sarebbe andata?????

Subito mi sorgono spontanee domande esistenziali...ma questa come si lava? Con l'acqua fredda del pozzo? E dove, se il bagno consiste in una baracca di un metro per un metro, con un buco a terra e niente altro, per di più a 200 metri dalla casa? Il film non mi ha fornito risposte in merito.

In realtà, ancora prima dell'arrivo della ragazza si vede che in casa c'è un uomo. In piedi davanti alla finestra, poi seduto, che sta lì, un po' accigliato, a far nulla. Intuisco che è la “presenza” di cui si parla nel titolo. E' un fantasma insolito, vestito con i pantaloni e la maglietta attillati, anche se è pallido come un morto, appunto. Se ne sta a guardare la donna, che ovviamente non lo vede, e il più delle volte aggrotta la fronte. La sorpresa finisce ancora prima che inizi la storia. Pazienza!

Un giorno cade un libro a terra e la ragazza trova fra le pagine un ritaglio di giornale in cui si parla di un evaso morto annegato. Sarà il fantasma pallido? L'unica altra presenza umana è quella del barcaiolo, che porta le provviste alla giovane donna dopo un paio di giorni e le chiede se ha paura a rimanere lì da sola, giustamente. Lei dice di no, giustamente. In effetti, cosa c'è di pauroso nel rimanere tutto il giorno ma soprattutto la notte, da sola, in una casa con un fantasma, su un'isola disabitata, dove se succede qualcosa di terribile non puoi nemmeno nasconderti nel bagno...?

Dopo qualche giorno, la pazza eremita riceve un'altra visita, quella del fidanzato. Anche questo è vivo, e siamo a tre umani contro un fantasma. Sulle prime lei sembra contenta che la sua metà ci sia, poi sempre meno. Io mi sarei aggrappata all'uomo tipo cozza patella su uno scoglio e non lo avrei mollato mai più. Lei invece fa pure la tipa figa che, quando lui le dà un anello e le chiede di sposarlo, non sa se accettare o meno e si perde pure il gioiello un minuto dopo. L'arrivo del ragazzo non sembra molto gradito nemmeno al fantasma pallido.

A questo punto della storia fa il suo ingresso un'altra presenza. Il nuovo fantasma è vestito di nero e non fa altro che bisbigliare cattiverie nell'orecchio della donna contro il fidanzato. Lei, da bambina, aveva subito molestie da parte del padre e quindi ci vuole poco a farle montare l'incazzatura contro gli uomini. Il fantasma malefico ha lavoro facile. Questi cerca inoltre di farsi aiutare dal fantasma pallido a far fuori il fidanzato della donna, promettendogli che poi potrà tenere la ragazza per sè. In tutto questo mi domando: 'sto povero disgraziato di fidanzato viene trattato una pezza da questa malata di mente che non si capisce se lo vuole sposare o no e gli ha perso un anello di brillanti che costava una fortuna, ha due fantasmi che gli remano contro, non ha nemmeno un cesso dove andare in santa pace...ma perchè non manda tutti aff....e se ne va?

I cambi di umore della donna cominciano a insospettire anche lei che, finalmente, si rende conto che ci sono delle presenze in casa. Mentre lei fa la scoperta del secolo, il fantasma vestito di nero si incazza con quello pallido perchè invece di uccidere il fidanzato della ragazza lo aveva solo ferito. Povero fantasma pallido, in fondo è un bravo ragazzo.

Mentre i due risolvono la loro faccenda, la donna trova il fidanzato ferito che si era andato a infrascare in un nascondiglio sotto la casa e gli giura amore eterno mentre questi è ancora sotto shock. In casa invece arriva un altro fantasma che, si scopre, aveva lavorato dietro le quinte per aiutare i due ragazzi a non lasciarsi. Dall'abbigliamento potrebbe trattarsi dell'evaso morto annegato, ma non ne sono sicura. Questi interviene e porta via il fantasma pallido, salvandolo dall'influsso negativo di quello vestito di nero. Il fantasma pallido, prima di andarsene, chiede perdono alla ragazza. Sorge un dubbio...ma 'sto fantasma chi è? Perché non lasciava la casa? Forse è l'ectoplasma del padre della donna? Aleggia un mistero sul finale del film.

Alla buon'ora i due ragazzi, con anello al seguito, sono pronti a lasciare l'isola. Il barcaiolo appare sulla soglia. Dice che nessuno lo ha chiamato ma che aveva un presentimento. I tre vanno via in barca e un personaggio incappucciato bisbiglia nell'orecchio del barcaiolo. Un'altra presenza. Una folla di presenze.

Che dire di questo film? Mi ha lasciata indifferente...e non so nemmeno in che categoria inserirlo. Non fa paura, se questo era lo scopo. Il mio commento è: mah...

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Cerchi qualcosa?

Che ore sono?

Che giorno è?

Settembre 2017
DLMMGVS
12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930

Suggerimenti

Tag-cloud


Spot

Social Media Links

TwitterFacebookFeed

Archivio Post

Directory Blog

BlogItalia - La directory italiana dei blog

Award Winning Voyeurism and Personal Journal Blogs - BlogCatalog Blog Directory

Miglior Blog