La tentacolare cittadina di A.

Le feste natalizie nella cittadina di A. si svolgono a ritmo frenetico e le tentazioni sono dietro ogni angolo. Oggi io e il mio amore ci siamo concessi una rigenerante passeggiata al centro città, per sgranchirci un po' le gambe e respirare l'ultima boccata di fredda aria natalizia.

Il corso principale della cittadina di A. pullula di locali e negozi alla moda. I caffè traboccano di clienti e tutti sono allegri e felici. Questa solitamente è leggenda.

Oggi, lasciato il Tempio della Bellezza e del Benessere, che brilla di luce propria e quindi non ha risentito della mancanza di luminarie sul suo marciapiede, ci siamo diretti verso la piazza del Comune.

Muniti di torcia, abbiamo imboccato la strada giusta e siamo usciti su una piazzetta dove tre negozi su dieci erano aperti. Gli altri sono locali chiusi in attesa di essere presi in affitto o venduti.

Da questa piazzetta, attraverso una suggestiva stradina, si esce sulla piazza più importante della città di A., dove le fontane sono chiuse da svariati anni per lavori di ripristino, ma gli alberi sono ancora numerosi.

Una luce ci abbaglia. Il corso principale. La socia/sorella, ancora legatissima al caos della metropoli, consiglia, prima di avviarsi lungo il viale, di munirsi di Prozac o altro potente antidepressivo. Io e il mio amore la prendiamo con filosofia e ci troviamo del bello, nonostante molti edifici siano in restauro, parecchi negozi siano chiusi, le strade non siano assiepate di gente.

Gli abitanti della cittadina di A., a detta di molti commercianti del corso, preferiscono spendere i loro soldi nella metropoli o nella vicina città di S., più fricchettona e anticonformista. Ho una mia teoria in proposito ma preferisco tacere.

Entriamo in uno dei caffè del corso, quello più "in" e troviamo una folla di persone. Tutti mangiavano, prendevano caffè, slinguazzavano gelati nonostante il freddo. Ho anche colto un paio di tentativi di approccio fra alcuni ragazzi e ragazze. Per pagare i nostri aperitivi abbiamo dovuto fare la fila. Idem al banco. I baristi e le commesse del banco pasticceria sembravano in preda a una crisi isterica.

E poi non vogliamo riconoscere che la cittadina di A. sia tentacolare e vivace quanto e più della metropoli?

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Cerchi qualcosa?

Che ore sono?

Che giorno è?

Luglio 2017
DLMMGVS
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031

Suggerimenti

Tag-cloud


Articoli collegati

Spot

Social Media Links

TwitterFacebookFeed

Archivio Post

Directory Blog

BlogItalia - La directory italiana dei blog

Award Winning Voyeurism and Personal Journal Blogs - BlogCatalog Blog Directory

Miglior Blog