Piccole, ansiose ore

Quattro del mattino, a casa degli affiatati coniugi:

“Amore, credo che sia sufficiente un libro...”.

“Solo? Pensavo di portare il PC portatile, l'Ipod, il cellulare, e un paio di libri...”.

“Amo, ti dimettono domani mattina...”.

“Lo so, ma è il primo intervento della mia vita e devo distrarmi”.

“Sarà un'esperienza interessante, vedrai...”.

“Veramente me la sarei risparmiata volentieri”.

“Ti metto nel borsone 3 magliette”.

“Perché 3? Mi dimettono domani mattina...”.

Tre ore e mezza dopo. Driiiinnnnn. Suona il citofono.

“Sarà papà. L'appuntamento è per le 8. Sono le 7.30. E' sicuramente lui”.

Se c'è qualcuno più ansioso di me, quello è mio padre.

Oggi il marito della filosofa Ros si ricovera per un piccolo intervento chirurgico.

L'ansia impera dentro e fuori casa.