Lo zapping e le sue sorprese

La luna che si staglia nel blu del cielo...bellissima immagina...ma la foto non è mia

Ieri sera la filosofa Ros era abbastanza distruttina.

L'intera famiglia Ros-sastra è andata e tornata dalla metropoli nella stessa giornata per sistemare varie faccende. Nel suo caso, un po' di tempo, pochissimo, dannazione!! :-), è stato dedicato al pulcino-sitteraggio, molto per svolgere qualche incombenza e, dulcis in fundo, le è stato posto dinanzi un parco pranzo a base di verdura, prosciutto e pane.

Tutto questo può essere drammatico per una tizia che, nel pieno delle sue forze, solitamente dorme in piedi o appoggiata a una parete.

Dopo la cenetta e la consueta doccia, la Ros-sastra si è avvolta a bozzolo nel piumino e ha acceso il televisore per dare uno sguardo qua e là, cercando soprattutto qualcosa che fosse tutto, fuorchè impegnativo.

Non perchè lei guardi di consueto, oltre ai film horror, scemenze di vario genere, ma perchè i due neuroni che ancora emettevano segnali nella sua testolina, si prendevano a testate da soli. Infierire sarebbe stata una crudeltà gratuita.

"Zap...zap...zap", la tizia con il cespuglio in testa ha pigiato tutti i canali di Sky facendo uno zapping forsennato.

Al principio un po' di Laura Ravaioli.

"Uhmmm...fa la cuoca ed è sempre più magra...quale sarà il suo segreto?" si è domandata la filosofa, tastandosi un fianco e scrutando, al di sopra del piumino, la sua circonferenza toracica.

"Non assaggia niente...mica come te, disgraziata, che stai lì a sbocconcellare continuamente che quando arriva l'ora di cena ti chiedi come mai non hai molto appetito! E poi a tavola lei pilucca briciole; a te invece, dopo la prima mezz'ora di sazietà da assaggini, ti si apre una voragine nello stomaco e sparisce tutto ciò che hai cucinato...! Buffona che non sei altro...! Ma stai zitta, và...!". Quando la propria coscienza sporca spiattella la realtà, bisogna tacere, annuire e ammettere le proprie colpe.

La Ros-sastra ha ripreso lo zapping. Il bello di Sky è la varietà. Ogni interesse può essere soddisfatto, e ciò è democratico e benefico. La pensatrice è affascinata dalla fantasia degli autori televisivi che propongono programmi bellissimi, documentari interessanti e trasmissioni davvero singolari. Lei ogni volta resta stupida dalle vette a cui giunge la fantasia umana.

Qualche tempo fa, durante la rognosa operazione "stiratura bucato", la massaia Ros seguì il percorso di cura di una signora, affetta da depressione e da un disturbo psicologico che l'aveva portata a diventare un'accumulatrice compulsiva. La sua casa era sommersa di rifiuti, al punto che doveva scansare cumuli di immondizia per passare da una stanza all'altra. La Ros-sastra fu assalita da un raptus e buttò via un sacco di ciarpame che aveva accumulato nello studio per un unico insano motivo, il disordine che la attanaglia. Il programma sortì un effetto positivo per la casa coniugale.

Ieri la filosofa si è chiesta però se a volte gli ideatori di format televisivi non esagerano.

Cambiando canale come una pazza, è incappata in una trasmissione sui traslochi. Lei, che nella sua frenetica e spericolata vita ha affrontato tre traslochi in un anno ed era in quel momento esanime nel suo letto dopo una dura giornata, non avrebbe potuto reggere la visione di gente che si smazza senza sosta. Sarebbe stato come nominare la parola "cioccolato" ad un'ingorda che si è appena fatta fuori 4 o 5 uova pasquali. Chiamasi crudeltà mentale. Ma poi, che c'è di educativo o interessante nel guardare gente che impacchetta?

Saltellando ancora, si è soffermata su un assurdo programma in cui una sudiciona lasciava che una squadra di persone le ripulisse la casa, lercia da fare schifo. Allo stupore della zozzissima femmina, che alla vista del suo water ripulito, esclamava "ohhhhh, my God! It's whiteeeee!", la Ros-sastra ha immaginato per un secondo che cosa dovesse essere stato quel sanitario prima della disinfestazione. "Ohhhhh, my God!" ha gridato la filosofa dal suo letto, ricambiando canale.

Esiste un programma sulle case d'asta. Lo sapevate? Beh, "sapevatelo", diceva Vulvia. Una fanciulla, con tatto e delicatezza, metteva all'asta un flipper che le aveva lasciato suo nonno...e con la bava alla bocca e gli occhi iniettati di sangue, sparava pure una cifra assolutamente fuori mercato. La Ros si è commossa per tanto attaccamento ad un ricordo del defunto nonno e ha pensato "spero che il nonno ti abbia lasciato solo questo, assatanata e insensibile adolescente! Ma che lavoro fai nella vita? Il broker finanziario senza scrupoli?!".

Ma le sorprese per la Ros-sastra in cerca di svago non erano finite. C'è un tizio, certamente diabetico e con il colesterolo a mille, che se ne va in giro per gli stati d'America ad assaggiare panini e pietanze dalle dimensioni mostruose e dalle calorie trabordanti, mangiandole con le mani e facendosi cadere addosso sughi e creme, come se non toccasse cibo da secoli, che pure la Ros-sastra, ben nota primitiva, ha gridato all'orrore.

Arrivata alla trasmissione sulle malattie imbarazzanti, la pensatrice ha deciso che non era proprio il caso di insistere. Con la luce spenta è difficile pure per due neuroni prendersi a testate.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Cerchi qualcosa?

Che ore sono?

Che giorno è?

Ottobre 2017
DLMMGVS
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031

Suggerimenti

Tag-cloud


Spot

Social Media Links

TwitterFacebookFeed

Archivio Post

Directory Blog

BlogItalia - La directory italiana dei blog

Award Winning Voyeurism and Personal Journal Blogs - BlogCatalog Blog Directory

Miglior Blog