Come assassinare un croissant...

Buona Pasqua!! Immagine presa dal sito www.coastercommunity.altervista.orgMolti anni fa, diciamo all'incirca...mumble mumble...diciassette :-D, Ros fece un lungo viaggio negli Stati Uniti, gironzolando fra California, Arizona e Nevada.

Oh, quanti ricordi! Che posti straordinari, magnetici, che incarnavano il mito americano che accomuna le persone della sua generazione, cresciuta con le serie televisive di Melrose Place, Beverly Hills 90210 e simili.

La tizia potrebbe raccontare tantissime cose sulle settimane trascorse negli States ma oggi vuole soffermarsi su un episodio in particolare, che è piaciuto molto alla sua amica Betulla, che le ha chiesto di farci un post. Betullina è una fonte incredibile di ispirazioni ros-sastre...

L'itinerario di viaggio prevedeva una sosta di tre giorni nella zona dei parchi della California e Ros alloggiò in un delizioso Bed&Breakfast, in prossimità del Sequoia National Park, i cui proprietari, appassionati di Via col Vento, avevano arredato le stanze secondo lo stile dell'epoca (seconda metà dell'800), dato i nomi alle camere con quelle dei personaggi del libro, e su numerosi scaffali del salotto avevano raccolto varie edizioni del romanzo di Margaret Mitchell. Oggi questo simpatico B&B esiste ancora, anche se ha cambiato nome, è stata costruita una piscina in giardino, l'arredamento è stato in parte sostituito, ed è stato rilevato da un'altra coppia.

Nei giorni della vacanza ros-sastra, durante i quali lei sgambettò fra giganteschi alberi di sequoie, entrando anche in un vecchissimo tronco cavo (stando tranquillamente in piedi), i titolari erano Scott e Mary, forse genitori di uno degli attuali proprietari? Chissà...

La prima mattina, di buon'ora, Ros lasciò la sua camera, Aunt Pittypat Room :-), piena di cuscini paffuti, lenzuola a fiorellini e asciugamani azzurri, per raggiungere la sala per il breakfast. La signora Mary, a piedi nudi, andava freneticamente dal forno ai fornelli. Nell'aria c'era un profumino delizioso.

La filosofa ebbe una delle sue famose premonizioni...che sarebbe ingrassata un chilo da lì a un'ora. Lei non ha mai azzeccato un terno al lotto, né vinto alla lotteria di Capodanno, ma sa esattamente quanto ingrasserà, come e perchè. In questo è proprio una veggente.

Ros prese posto al suo tavolo con un sorriso a 32 denti, si annodò al collo il tovagliolo e afferrò le posate, umettandosi le labbra e iniziando a deglutire, come un fumetto. L'occhietto era vispo e osservava la scenetta di Mary che sfornava muffin, torte salate, spremeva arance del giardino, spargeva zucchero a velo a raffica.

"Gnam...gnam..." l'unico pensiero che prendeva forma nella testa ricciuta.

Ad un certo punto Mary tirò via dal forno una magnifica teglia, piena di croissants fragranti.

Cosa fa una vera signora affamata di fronte a cornetti fumanti? Si dà un contegno, sorride, e finge indifferenza, come se quel cornetto non le facesse per niente gola. La Ros-sastrella invece, che signora non è mai diventata e nemmeno ci è nata, sorrise felice e, senza alcuna remora, schietta e sincera com'è, si lanciò in una declamazione accorata.

"Wow, sono magnifici e saranno buonissimi! Brava Mary!! Ho una fame tale che onorerò la tua cucina! Questi croissants sembrano usciti da una pasticcera francese...une patisserie!". Che buffona...fingere pure di essere una raffinata signora d'oltralpe... ;-).

Mary le sorrise, compiaciuta. Poi aprì il frigo, prese un grosso pezzo di burro...diciamo, ad occhio, mezzo chilo, e iniziò a scioglierlo, intero, in una capiente padella di alluminio, aspettando che iniziasse a sfrigolare.

"Chissà che deve fare adesso...ma perchè non ci porta i croissants?...Si raffredderanno!" pensò Ros, continuando a sollevare le sopracciglia per vedere meglio dal suo tavolo, sbocconcellando la sua torta salata, zeppa di vegetables.

Un atroce sospetto fece la sua comparsa nella mente filosofica. Il sorriso iniziò a spegnersi, fino a quando un lacerante dolore si espanse nel cuore e nello stomaco ros-sastri.

Mary afferrò i soffici cornetti e li spiaccicò nel burro sfrigolante. I tapini si sgonfiarono miseramente e subirono una crudele violenza per mano di una paletta di plastica, che iniziò a girarli di continuo, da un lato e dall'altro, per friggerli per bene. Pochi minuti dopo ecco trasformati degli aerei croissants in orrende frittelle unte di burro.

Ros era affranta.

La signora Mary, non ancora soddisfatta, volle infierire...e non ebbe alcuna esitazione nel farlo! Prese un flacone bianco, tolse il tappo e, prima che Ros riuscisse ad alzarsi per impedirle questo gesto estremo, tentando anche di non strozzarsi da sola con il tovagliolo, cosparse le frittelle cornettose con uno sciroppo color lampone, forse proprio al lampone. Cornetti gonfi e fragranti persi per sempre, annegati prima nel burro fuso e poi in una melassa fucsia. Che destino crudele!

Convinta che la tizia non aspettasse altro, Mary le riempì il piatto con ben due frittelle, ricoperte da questo denso liquido color rosa shocking. Ros, per educazione, non lasciò nulla nel piatto, ma soffrì, soffrì tantissimo ;-)...e ingrassò pure un chilo, nel rispetto delle sue proverbiali premonizioni.

Morale della storiella: se proprio non siete delle signore, come la sottoscritta, evitate almeno di sbandierare ai quattro venti quanta fame avete senza conoscere prima cosa vi piomberà nel piatto!! Ahahah :-D!!

Buona Pasqua a tutti voi, amici e amiche!

Ros, proprio in questo momento, ha una tremenda profezia circa gli effetti che avranno su di lei i pranzi di Pasqua e Pasquetta...ma è meglio che non ve la dica ;-)!!

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Cerchi qualcosa?

Che ore sono?

Che giorno è?

Aprile 2017
DLMMGVS
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30

Suggerimenti

Tag-cloud


Spot

Social Media Links

TwitterFacebookFeed

Archivio Post

Directory Blog

BlogItalia - La directory italiana dei blog

Award Winning Voyeurism and Personal Journal Blogs - BlogCatalog Blog Directory

Miglior Blog