Torta di cioccolato con crema al latte e aroma d'arancia

Torta di cioccolato con crema al latte e aroma d'aranciaLa domenica Ros-sastra è stata una giornata all'insegna dell'amore.

Il tutto è iniziato con una sveglia all'alba....intorno alle 9. Beh, che credevate? Per lei le 9 della domenica equivalgono alle 6 di un giorno lavorativo, quindi è un grande sacrificio.

Dopo doccia e colazione, si è dedicata finalmente alla cucina. Visto che lei ama spignattare, qualcuno potrebbe obiettare che è stato un puro piacere. Questo è vero ma fino a un certo punto.

La chef Ros ha preparato la torta che vedete nella foto per il compleannno del suo amore.

Per una donna pasticciona e approssimativa come lei, armeggiare con la siringa per le decorazioni è stata un'impresa titanica.

La volenterosa Ros, dopo aver indossato un grembiulino da cucina che la faceva sembrare Nonna Papera, ha dato inizio alle danze nella sua colorata cucina.

Al principio lei ha aveva pensato di fotografare ogni passaggio della composizione della torta, per riportare un preciso resoconto del suo amorevole tentativo, ma poi, quando si è ritrovata la panna montata anche nei capelli ha deciso che non era il caso di fingere di essere a Masterchef e contemporaneamente di essere una fotografa professionista. Ha pensato bene quindi di concentrarsi solo sulla torta. Accontentatevi del risultato finale e sappiate che il sapore del dolce era decisamente super mentre la decorazione, vista da vicina, è decisamente più in linea con lo stile dell'artefice, ossia imperfetta e, confessiamolo, un po' raffazzonata come lei.

Ma non è l'intenzione buona quella che conta?particolare della fetta

Dunque, la torta di base è al cacao. Soffice e leggera. La pasticciera Ros ha tritato nel suo Bimby, che ieri avrebbe dovuto chiederle uno straordinario per quanto lavoro ha fatto, 70 gr. di mandorle non pelate e tostate e 70 gr. di biscotti secchi. L'ennesimo atto d'amore è stato sacrificare alcuni dei suoi adorati biscotti per il cappuccino del mattino, per la precisione frollini con crema di riso al latte. Una bontà senza paragoni... Il trito di mandorle e biscotti è stato messo da parte.

Lavato il Bimby, la Ros-sastra ha montato a neve ben ferma 6 albumi, incorporando poi i 6 tuorli, 300 gr. di zucchero, il trito di biscotti e mandorle, 70 gr. di cacao amaro e in ultimo una bustina di lievito. Ha versato l'impasto in una tortiera dal diametro di 26 cm, imburrata e infarinata, e l'ha lanciata nel forno già caldo a 170° dal momento che era in ritardo sulla tabella di marcia.

Comunque avete letto bene, non c'è burro nell'impasto perchè il grasso è dato dalle mandorle e dai biscotti. E' venuta fuori una torta leggera, che deve essere fatta raffreddare completamente.

Rilavato il boccale del Bimby, preparate una crema al latte con 200 ml di latte, 2 cucchiai di farina, 2 cucchiai di zucchero e una fialetta di aroma di vaniglia. Fate cuocere per circa 3 minuti e mezzo. Versate la crema in un'ampia ciotola e lasciate raffreddare anche questa.

A questo punto la massaia Ros ha dovuto fare una pausa per riportare la pulizia e un po' d'ordine nel casino della sua cucina e far svanire il magnifico profumo del dolce mettendo a lessare del cavolfiore. Molto furba la ragazza...poteva lessare il maleodorante ortaggio prima...ma da astuta volpina quale è lei ci ha riflettuto dopo. Troppo tardi...pazienza!

Il povero Bimby è stato ripulito nuovamente e la pasticciera Ros lo ha ficcato nel freezer, assieme alla siringa e alle bocchette per ricavare i ciuffi di panna.

Nel frattempo ha preparato lo sciroppo per bagnare il dolce. Miracolosamente è riuscita a tagliare in due dischi la torta senza romperla. Una vera fortuna! Poi, ha riempito un pentolino per metà di acqua, ha aggiunto un paio di cucchiai di zucchero e, quando questo si è sciolto, ha unito una fialetta di aroma di arancia, l'unica vera genialata Ros-sastra della giornata.

Con santa pazienza, la pasticciera Ros ha bagnato ben bene il primo disco. Poi ha montato 1 litro di panna nel suo freddissimo Bimby e ne ha utilizzato 2 cucchiai per amalgamarli alla crema. Siccome le sembrava tutto troppo semplice, come tocco finale ha versato una manciata di codette di cioccolato nella crema, per poi stenderla sul disco già inzuppato di sciroppo all'arancia.

Con delicatezza venuta fuori chissà da dove, forse dall'"ammmore", ha disposto sulla crema l'altro disco. Praticate alcune incisioni sulla superficie, ha bagnato anche questo con lo sciroppo.

Arrivati al finale, la pasticciera Ros ha iniziato la fase di decorazione della torta con la panna. Ragazzi, avreste dovuto vederla! Panna dappertutto. Ad un certo punto ha ceduto anche la siringa, facendo "plop" e spiaccicando un orrendo ciuffo scomposto in un punto strategico.

Dopo circa un'ora, fra riprese del boccale dal freezer e rimontaggi della panna, la torta è stata composta e decorata. La Ros-sastra giura che se la foto è un po' sfocata è stato solo per la fretta, non per coprire le magagne che, comunque, c'erano.

Per la pasticciera Ros è stato un successo. Il sapore era davvero buono e l'aroma di arancia, con la panna e il cioccolato, si sposava benissimo. Provate, provate!

Ora qualcuno si sarà chiesto che c'entrava il cavolfiore con la torta. L'ortaggio profumato è servito per preparare un'altra delizia, questa quì.

Chiaramente, giunta all'ora di pranzo, la Ros-sastra ha dovuto ripulire sè stessa...e un'intera batteria di pentole, alcune piastrelle, il pavimento e il Bimby che invocava pietà.

Il marito M. è stato felice, chi ha mangiato la torta pure e la Ros-sastra anche...prima di cadere sul letto priva di sensi.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Cerchi qualcosa?

Che ore sono?

Che giorno è?

Aprile 2017
DLMMGVS
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30

Suggerimenti

Tag-cloud


Articoli collegati

Spot

Social Media Links

TwitterFacebookFeed

Archivio Post

Directory Blog

BlogItalia - La directory italiana dei blog

Award Winning Voyeurism and Personal Journal Blogs - BlogCatalog Blog Directory

Miglior Blog