Ravioli ricotta e spinaci...al contrario

ravioli ricotta e spinaci...al contrarioIl lunedì mattina della scorsa settimana la Ros si è goduta un po' la sua cucina, mentre fuori una bella pioggia sporcava i vetri delle finestre, puliti appena il giorno prima. Maledetto maltempo!!

Dopo un attimo in cui ha sollevato gli occhi al cielo e nella sua mente ha partorito un pensiero davvero poco elegante, ha deciso di non pensarci più e in qualità di chef di casa sua si è concentrata su una ricottina da consumare, con data di scadenza piuttosto vicina.

Che fare?

Ha infilato la testa nel frigorifero e ha tirato fuori un magnifico mazzetto di spinaci freschi. Foglie sode, di un verde brillante.

A quel punto si è accesa una lampadina: ravioli ricotta e spinaci...al contrario, ossia spinaci nella sfoglia e non nel ripieno. Ma non solo...spinaci tritati a crudo nella farina

La Ros ha deciso di testare una nuova procedura.

Anzichè sbollentare gli spinaci, dopo un accurato lavaggio ovviamente, e poi strizzarli e tritarli per inserirli nell'impasto di farina e uova, ha pensato bene di tritare gli spinaci a crudo nel Bimby, assieme alla farina.

Una volta puliti e lavati più volte gli spinaci, la chef Ros li ha asciugati nella centrifuga e li ha tamponati anche con un canovaccio. Poi li ha inseriti nel boccale assieme a 500 gr. di farina e, aiutandosi con la spatola, li ha disintegrati fino ad ottenere un omogeneo colore verde.

le uova nell'impasto...chissà perché alla chef Ros era venuta la bizzarra idea di impastare a manoPur avendo asciugato abbastanza gli spinaci, la presenza di un po' di acqua residua, oltre a quella presente naturalmente nelle foglie, ha fatto sì che si creasse già una sorta di impasto. A questo la cuochina filosofa ha rimediato aumentando la farina di circa altri 100 gr., aggiungendo poi un pizzico di sale e 4 uova, facendo lavorare il Bimby per due/tre minuti, dopo un bizzarro tentativo di impastare a mano. Se si ha la fortuna di possedere questo straordinario apparecchio, perchè stancarsi?

Ecco pronto un impasto meraviglioso per i ravioli ros-sastri, grazie al Bimby!

Volendo evitare l'aggiunta di altra farina, potrete anche usare le foglioline di spinacino che si vendono in busta, già lavate e asciugate perfettamente. La difficoltà che ha la Ros nel comprare le verdure confezionate è l'odore di alcool che si sente all'apertura della busta... Se a voi non da fastidio, provate questa versione più veloce e ... meno umida!l'impasto pronto per la sfoglia

Il ripieno dei ravioli.

Avendo un impasto così ricco, la chef Ros ha scelto un ripieno leggero costituito da ricotta, parmigiano, un po' di pecorino, sale e pepe. Ha lavorato il tutto come una crema, piuttosto soda, assaggiando un paio di volte...ma solo per controllare il sale, mica perchè era da sballo ;-)?!

Con la sua pratica macchinetta per tirare la sfoglia, lei non è una di quelle splendide signore emiliane che stendono una sfoglia fantastica in pochi minuti, ha lavorato la sua pasta, ha formato delle palline di crema di ricotta, ha ricoperto con altra sfoglia e, seguendo i suggerimenti di famosi chef, ha fatto aderire perfettamente la sfoglia superiore al ripieno, così da non lasciare aria all'interno del raviolo. Solo allora, con il suo prezioso stampino per ravioli tondo e dal bordo zigrinato, ha tagliato la forma.

ravioli confezionati dalle manine ros-sastreInutile dire che mentre tirava la sfoglia e confezionava i ravioli, la Ros non ha potuto scattare fotografie. Avrebbe dovuto fare un continuo lava le mani, asciuga le mani, arilava le mani, ariasciuga le mani...le manca un'amica fotografa, accidenti, o un'amica che cucina con lei...c'è qualcuna che si candida :-)?

Che colore meraviglioso questi ravioli, non trovate? Tritando gli spinaci a crudo il bel verde dovuto alla clorofilla è rimasto intatto e il sapore della verdura è risultato più intenso al gusto.

Una breve cottura in acqua salata e un condimento semplice, di burro fuso e poca salvia, hanno reso il pranzetto del lunedì con il marito M. una delizia!!

A proposito...i ravioli non si sono aperti, nemmeno uno. Sono rimasti perfetti e il ripieno è risultato morbido e cremoso. Esperimento riuscitissimo...che fortunata questa stramba cuochina filosofa..!

La chef, nel dosare gli ingredienti, distratta dalla pioggia battente sempre più sui vetri, non si è ricordata però di un dettaglio tutt'altro che trascurabile, e cioè che il suo nucleo familiare è composto solo da due persone, di cui una a dieta tra l'altro, per cui si è ritrovata con un notevole quantitativo di impasto da smaltire.

Eccola quindi lanciarsi in una produzione di tagliatelle da mangiare il giorno dopo, lei e suo marito, i suoi genitori, anzi...per molti giorni ancora. Tagliatelle sparse in giro nella cucina ros-sastra, e anche un po' nella sala...

Buonissime, ma per qualche settimana...pasta fatta in casa...basta, pietà!

Alla prossima ricetta e buon appetito!

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Cerchi qualcosa?

Che ore sono?

Che giorno è?

Maggio 2017
DLMMGVS
123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031

Suggerimenti

Tag-cloud


Spot

Social Media Links

TwitterFacebookFeed

Archivio Post

Directory Blog

BlogItalia - La directory italiana dei blog

Award Winning Voyeurism and Personal Journal Blogs - BlogCatalog Blog Directory

Miglior Blog