Quadretti al cioccolato bianco e all'albicocca

Quadretti al cioccolato bianco e all'albicoccaUn paio di giorni fa la Ros ha ricevuto un pacco al Tempio della Bellezza e del Benessere. In quel momento era sola e ha potuto quindi aprirlo subito, indisturbata e curiosa. Visto il contenuto, ha sorriso a 32 denti e si è dovuta reprimere dal chiamare sua sorella, impegnata in una saletta, per condividere la gioia.

Ricordate il contest Che merenda mi dai? di Coccole di dolcezza, a cui la Ros-sastra partecipò con due ricette dolci? Quando decise di concorrere, la tizia lo fece per amicizia verso Cristina e per il piacere di mettersi alla prova, non pensò mai di poter vincere, soprattutto guardando i dolci spettacolari di molte delle partecipanti, e in effetti a lei non fu assegnato nessuno dei tre premi messi in palio dalla Rigoni.

L'adorabile Cristina decise però di attribuire personalmente un premio ad altre tre ricette, distintesi per l'originalità degli ingredienti. Quando la Ros lesse il suo nome fra le vincitrici si stropicciò gli occhi, incredula, e cliccò sul link per assicurarsi che non ci fosse un'omonima scampata a terapie psicologiche. E invece no!! Era proprio lei! I suoi muffin ricotta e zafferano impallidirono anch'essi, per lo sbigottimento. il bellissimo premio di Cristina per la Ros-sastra Non se ne dispiaccia la Rigoni ma alla Ros-sastra ha fatto molto più piacere vincere il premio cristinesco!

Il pacco che la Ros ha ricevuto conteneva una bellissima teglia monodose da forno e un sacchetto di deliziosi biscotti. Cristina non vuole proprio che la sua amica filosofa perda un po' del suo peso :-D.

Siccome l'arrivo del pacco è stato in prossimità del fine settimana e la tizia non è capace di porre mai un freno ai suoi entusiasmi, la teglia è stata subito usata per una ricetta che non era propriamente adatta al tipo di pirofila ma che ha dato un ottimo risultato ugualmente.... Sarà stata l'influenza pasticciosa di Cristina? Allora, adorabile amica, grazie due volte!!

solare trito di albicoccheLa ricetta in cui la Ros si è cimentata era in una dolce to do list da molto tempo ed è stata tratta da un libro dal titolo Fantasie da forno. La pasticciera Ros la dedica alla sua amica.

"Ehi, Cristina? Tu meriteresti qualcosa di più di questo semplice dolce, in linea con le modeste capacità della sottoscritta. Sappi che è però ricco d'affetto per te!!".

Per i quadretti al cioccolato bianco e all'albicocca occorrono una teglia quadrata da 20 cm, da imburrare e infarinare, poi 125 gr. di burro, 175 gr. di cioccolato bianco sminuzzato, 4 uova, 125 gr. di zucchero, 200 gr. di farina, 1 cucchiaino di lievito in polvere, 1 pizzico di sale, 100 gr. di albicocche disidratate.

Fate sciogliere il burro e il cioccolato a bagnomaria, mescolando con un cucchiaio di legno fino a che la miscela non sarà omogenea. Toglietela dal fuoco e lasciatela raffreddare lentamente.

Nel frattempo la Ros ha infarinato un po' le albicocche e le ha tritate nel Bimby, mettendole da parte, poi ha mangiato senza un briciolo di senso di colpa i 25 gr. di cioccolato avanzati dalla tavoletta. Scusate, non è ridicolo conservare così poco cioccolato in un incarto ormai troppo grande ;-)?teglia cristinesca pronta per la sua prima cottura

Unite le uova e lo zucchero al composto di burro e cioccolato. Lavorate con una frusta e incorporate pian piano la farina, il lievito, il sale e in ultimo il trito di albicocche. Versate la miscela nella teglia e fate cuocere a 160°/170° fino alla prova stecchino.

In foto la teglia cristinesca appena sfornata. Fate raffreddare il dolce, sformatelo e tagliatelo a quadretti. A piacere spolverate con zucchero a velo.

Osservazioni.

Perchè tagliare il dolce a quadretti? Nel procedimento non viene spiegato ma la filosofa Ros, ricorrendo all'empirismo per il fatto che il dolce l'ha preparato lei e lei stessa ne ha mangiato un discreto quantitativo, vi dice che solo in parte è per una questione estetica e di comodità di assaggio.

Il vero, concreto, reale motivo è che, grazie al ragguardevole peso atomico, ogni cubetto, nella tabella periodica degli elementi di Mendeleev, si posizionerebbe di poco al di sotto dell'uranio. Al momento di gustarne uno il malcapitato non si rende conto che mentre ingenuamente e con incoscienza lo manda giù, di botto il suo peso è già aumentato di almeno un chilo. Questo è un lampante caso di un'apparenza leggiadra e soffice che inganna.

dolce aereo e soffice, appena sfornatoNonostante la presenza del cioccolato, esso si avverte poco al gusto. Ciò non toglie che i quadretti hanno riscosso un notevole interesse da parte dei familiari ros-sastri che, a turno, hanno bissato e trissato, ad eccezione del papà della filosofa che ne ha attinto ben più di 2 o 3 volte, per la felicità di sua figlia che, al termine della cena, gliene ha imbustati alcuni affinchè ne potesse mangiare anche la mattina seguente a colazione.

Il marito M., che ha accompagnato alle auto i parenti di sua moglie, giura sul Manuale di Scienza delle costruzioni che ha sorpreso suo suocero ad aprire la bustina e mangiarne il contenuto nel tragitto casa_degli_affiatati_coniugi/automobile, distanza circa 30 metri. Al padre della filosofa son piaciuti davvero tanto!

A breve un'altra preparazione da forno con la teglia cristinesca...nel frattempo, buon dessert e...grazie ancora, Cristina!

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Cerchi qualcosa?

Che ore sono?

Che giorno è?

Aprile 2017
DLMMGVS
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30

Suggerimenti

Tag-cloud


Spot

Social Media Links

TwitterFacebookFeed

Archivio Post

Directory Blog

BlogItalia - La directory italiana dei blog

Award Winning Voyeurism and Personal Journal Blogs - BlogCatalog Blog Directory

Miglior Blog