www.dovevoandareinterapia.it - Istanbul. 3.a parte. Dal sacro al profano

Istanbul. 3.a parte. Dal sacro al profano

Moschea BluIstanbul è la capitale ideale per i pigroni. Infatti, le cose più interessanti, attraenti e storicissimissime sono tutte iper concentrate in un'unica zona. I 4 amici, grazie soprattutto alle favelle poliglotte del marito M. e dell'amica A., presero la metro giusta che li avrebbe condotti in pochi minuti sul fichissimo promontorio di Eminonu, punto di incontro tra il Mar di Marmara, il Bosforo e il Corno d'Oro.

Con un agile saltello, la viaggiatrice filosofa Ros scese dalla metro e, ponendosi al centro dell'Ippodromo di Meydani, o per meglio dire di quel poco che è rimasto dello stadio di Costantinopoli, appurò all'istante che girandosi a 360°, per ogni quarto di giro c'era qualcosa cosa di imperdibile da vedere.

 

Moschea Blu interno

Gli intrepidi amici si diressero in primis verso la Moschea Blu. Da quel momento e per i tre giorni successivi, i 4, ininterrottamente, avrebbero tolto le scarpe, messo calzini sopra i calzini, tolto calzini sopra i calzini, rimesso le scarpe, aritolto le scarpe, arimesso calzini sopra i calzini, aritolto calzini sopra i calzini, arimesso le scarpe. Tutto questo per tutte le moschee che avrebbero visitato e sempre accompagnati dalla pioggia. L'amica A., sotto sembianze turche, si muoveva con disinvoltura nella moschea ma anche lei non poté che rimanere senza fiato in quel luogo mistico e affascinante, tradendo così la sua vera provenienza. La filosofa Ros, che aveva ardentemente desiderato entrare in questa Moschea da quando aveva compiuto l'età della ragione, bramava dalla voglia di staccare con uno scalpellino almeno una delle famose piastrelle di Iznik, che rendono blu la Moschea. Solo il suo senso civico, il rispetto per i luoghi di qualunque culto e l'onestà che le appartengono, impedirono il misfatto. E anche l'arresto, ovviamente... 

Moschea Blu interno 2

Dopo questo bagno nel blu, i 4 optarono per la visita al complesso del Topkapi, per 400 anni residenza dei sultani ottomani e delle donne dell'harem. Per l'intera mattinata i 4 zompettarono da un padiglione all'altro, dentro e fuori l'edificio destinato alle donne del sultano, dentro e fuori i giardini, dentro e fuori la Tesoreria.

Moschea Blu esterno notte

L'aspirante odalisca in carne Ros fu tentata, abbandonando il palazzo, di acquistare in un negozietto lungo la strada del ritorno, un intrigante costume per la danza del ventre, pieno zeppo di monetine tintinnanti. Il marito M. la minacciò di divorzio e lei si arrese...ma di tanto in tanto si pente di non aver corrotto l'amica A., chiedendole di comprarlo per lei. La filosofa Ros e la turca calabrese A. si fecero immortalare all'ingresso dell'harem, ma la foto non sarà mostrata nemmeno dietro pagamento di molto denaro.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Cerchi qualcosa?

Che ore sono?

Che giorno è?

Agosto 2018
DLMMGVS
1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293031

Suggerimenti

Tag-cloud


Articoli collegati

Spot

Social Media Links

TwitterFacebookFeed

Archivio Post

Directory Blog

BlogItalia - La directory italiana dei blog

Award Winning Voyeurism and Personal Journal Blogs - BlogCatalog Blog Directory

Miglior Blog